Pagine

[Recensione] La fragilità delle certezze di Raffaella Silvestri edito Garzanti

Buonasera PausaLettori ,
Stasera vi voglio parlare di un libro che merita di essere letto ed approfondito , perché parla di noi "ragazzi di oggi" del nostro futuro e delle nostre certezze....(incertezze)....



La Fragilità delle Certezze
di Raffaella Silvestri
Edito Garzanti , In Libreria dal 23 Febbraio 2017
Ebook € 9.99 Cartaceo € 16.90
Sito Autrice


Trama:
Milano. Anna ha trent’anni e da sempre si sente fuori posto. Fuori posto al liceo e all’università che ha frequentato. Fuori posto nella sua famiglia, dove l’hanno sempre fatta sentire ingrata e inadeguata. Fuori posto nella sua relazione con un uomo più vecchio di lei, Valerio, il suo professore di teatro e attore famoso che si fa vivo solo quando vuole lui. Fuori posto a Milano, la città dei vincenti. Fuori posto anche con sé stessa, come se niente potesse cancellare un evento che ha segnato la sua adolescenza. Eppure, nonostante le sue insicurezze e le sue paure, Anna è tenace nell’andare avanti ed è riuscita ad avviare una startup di successo. Teo è il socio di Anna, un trentenne che sembra aver avuto tutto dalla vita e che ha deciso di scommettere sul suo futuro. Dopo la laurea in Bocconi e una carriera rampante, Teo ha abbandonato il pensiero muscolare al quale era stato addestrato nell’azienda in cui ha lavorato. Tra loro nasce qualcosa di impalpabile, che serpeggia nell’elettricità che pervade ogni loro conversazione. Sono divisi da quella che sembra una differenza inconciliabile, eppure devono affrontare insieme le difficoltà quando la loro startup viene travolta da un tracollo finanziario. E la loro personale battaglia si intreccia indissolubilmente alla storia italiana che, dopo aver promesso una crescita culturale, sociale ed economica che non ci sarebbe mai stata, ha dato tantissimo a una generazione, ma ha tolto tutto a un’altra. Il passato e il futuro sono le due forze che spingono Anna e Teo ora verso la rassegnazione, ora verso quella pericolosa parola che è «speranza». La speranza di due anime tradite che nonostante tutto combattono.


RECENSIONE:
Quanto è cambiato il "panorama italiano negli ultimi anni " ? Cosa vuol dire nascere e crescere oggi in Italia ? Cosa vuol dire avere trent'anni oggi?
Raffaella Silvestri,  con una maestria unica attraverso la Storia di Anna , una ragazza "trent'enne di oggi" , riesce in modo straordinario a spiegare la realtà odierna in cui oggi le generazioni  dell'Italia si trovano  a vivere.
Anna è figlia di un passato dove la borghesia era il vero motore di crescita economica italiana, dove agli Italiani  "piaceva fare bella figura e non soltanto sopravvivere".

"Loro, i figli, che avevano avuto tutto, i mezzi che i genitori non si sarebbero mai sognati , alla loro età,  Avevano avuto tutto , tranne un paese in cui vivere. "

I trentenni di oggi sono una generazione in decrescita , che invece di vivere , vivacchia in un Italia bloccata , dove entusiasmo e volontà si sono
sostituiti a depressione , stress  ed a una continua guerra con se stessi .

Anna con la sua storia , attraverso un passato traumatico e un futuro incerto ci mostra la fragilità  e le incertezze che le generazioni di oggi si trovano ad affrontare in un paese come il nostro , al momento privo di futuro . Siamo muti nei confronti di un paese sordo al quale basterebbe solo "rendere" un po' di speranza per poter rifiorire.

Un libro che merita di essere letto e approfondito sotto ogni aspetto .





Nessun commento:

Posta un commento