[Intervista]#3 L'autrice Alessandra Angelini risponde ad Una pausa di lettura




Buongiorno PausaLettori, con il terzo appuntamento con "Intervista All'autrice". Oggi sono felicissima di Ospitare Alessandra Angelini. Ringrazio Alessandra  per la sua disponibilità  e gentilezza nel concedermi un pò del suo tempo:-)!!Siete curiosi di scoprire qualcosa in più su di lei e i Bad Attitude?!




INTERVISTA :



1) Cara Alessandra, la tua passione per la scrittura da dove nasce?

La passione per la scrittura è nata dalla lettura. Avevo undici o dodici anni quando una professoressa mi fece leggere il “Buio oltre la siepe”. Da allora non ho fatto altro che passare da un libro all’altro. Un giorno mi sono trovata a chiedermi se sarei mai stata in grado di rendere le storie che mi ronzavano in testa, come gli autori dei libri che mi piacevano tanto. Il risultato non è stato proprio lo stesso ma una volta iniziato a scrivere, non sono più riuscita a smettere.  

2) E l'ispirazione da cosa o chi la prendi?

I miei libri sono per il novantacinque percento opera di fantasia, il restante cinque percento si basa su fatti realmente accaduti. Passeggiando, andando in autobus può capitare di assistere a una scena, qualcosa che fa scattare una molla, accende l’idea per una nuova storia.

3) Non dirgli che ti manca è scritto "sulle note della musica". Quanta importanza ha la musica nella tua vita?

Amo la musica, mi accompagna in ogni momento della mia vita. È stato un piacere poterla inserire in modo così importante nella narrazione, in questo libro ho potuto unire due grandi passioni. Ho cercato di creare un sottofondo musicale che fosse compatibile con il vissuto dei personaggi, con i loro gusti e i miei. 

4) Isabella, la protagonista del tuo libro, ti somiglia in qualcosa?

Isabella purtroppo sconta alcune delle mie insicurezze e vive delle mie passioni, di contro, mi piacerebbe avere la sua forza di volontà, la sua capacità di reagire alle difficoltà che accadono nella vita. 

5) Nella stesura del romanzo, chi crei, prima il protagonista maschile o la protagonista femminile?

La prima a prendere forma è la storia, il nodo attorno a cui gira, poi arrivano i protagonisti, che diventano sempre più nitidi e meglio caratterizzati. Dopodiché passo ai personaggi secondari e le storie parallele.

6) Chi sono i "Bad Attitude"?

I Bad Attitude sono la band in cui suona Denis ma prima di questo sono un gruppo di amici, sono dei ragazzi di paese cresciuti con un sogno in comune, un più grande di loro: diventare qualcuno nel mondo della musica. Ora, finalmente, hanno la possibilità di realizzarlo. Per farcela però dovranno combattere i loro demoni.

7) Denis o Isabella ? Chi è il "tuo personaggio"? E perché?

Se ti dovessi rispondere senza pensare, ti direi Denis. Perché lui è un impulsivo, un testardo che vorrebbe risolvere tutto da solo e questo lo porta a sbagliare, ma se non fosse stato per lui questa storia non sarebbe mai nata. Dico Denis perché sono convinta che la sua storia non sia ancora conclusa e abbia ancora molto da dire.

8) Credi che un'autrice debba saper accettare sia gli elogi che le critiche ?

Gli elogi tengono alto il morale e ti ripagano dei tanti sforzi ma credo  che siano  le critiche, quelle costruttive, che ci aiutano a migliorarci. Ognuno di noi cerca di dare il meglio, presentare al lettore la storia migliore possibile, purtroppo non sempre si riesce a trasmettere tutto nel modo più efficace, in quel frangente le critiche costruttive aiutano l’autore a rivedere parte del suo processo. A migliorarlo, per evitare una seconda volta l’incorrere dello stesso errore.

9) Ho letto che il secondo libro è già pronto, ci vuoi/puoi svelare qualche anticipazione?

Il secondo libro che parla dei Bad Attitude, “Nati sotto la stessa stella”, è già pronto e dovrebbe uscire all’inizio del 2018. Questo libro riprenderà la storia esattamente da dove l’abbiamo lasciata e darà voce a entrambi i protagonisti. Questa è una storia a cui tengo molto, in particolar modo a uno dei due personaggi. Mi auguro che questa storia valga la lunga attesa. 

10) Se la tua "Io" di oggi potesse dare un consiglio alla tua "Io" del passato, cosa le direbbe?

Non mollare, anche quando tutto sembra andare male. Vai avanti, scrivi e racconta le tue storie, là fuori c’è qualcuno che vuole sentirle.



Grazie Alessandra :-) 


Leggi La mia recensione :Non dirgli che ti manca

Nessun commento:

Posta un commento